Discromatopsia

discromatopsia

Indice

La discromatopsia è un disturbo che impedisce la corretta percezione dei colori. La difficoltà nel riconoscere la cartella colori può provocare una parziale cecità a colori specifici. Nei casi meno comuni, è possibile che nessun colore non venga percepito affatto.

Epidemiologia delle discromatopsie

La discromatopsia tende a colpire più i maschi che le femmine ed è una malattia dell’occhio che può essere ereditaria (congenita) o acquisita.

Differenze discromatopsia e daltonismo

Il Daltonismo è un tipo di discromatopsia. Ciò che differenzia la discromatopsia dal daltonismo è che la prima si riferisce ad un qualsiasi tipo di alterazione della visione dei colori, mentre il daltonismo è specificamente un tipo di discromatopsia congenita. Daltonismo che può essere parziale o totale.

La discromatopsia congenita compromette maggiormente la percezione dei colori rosso e verde (una sorta di daltonismo rosso verde), mentre la discromatopsia acquisita influenza la percezione del blu, giallo, rosso e verde. Inoltre, la discromatopsia congenita non è correlata ad altri difetti visivi, mentre la discromatopsia acquisita lo è.

Tipi di discromatopsie

discromatopsia colori

Le discromatopsie congenite possono essere classificate come segue:

Monocromatico: nella macula è presente un solo pigmento e la visione è ridotta ad un’unica dimensione cromatica.
Dicromatico o bicolore: dovuto ad un cambiamento in uno dei tre meccanismi base del colore.
Tricromatico o tricolore: sono presenti tutti e tre i tipi di fotorecettori del colore, ma con un cambiamento di funzione. Sono i più comuni e possono alterare seriamente la percezione del colore.

Discromatopsia causa

Le cause delle discromatopsie acquisite sono molteplici e, in generale, in una malattia possono essere presenti molti tipi di alterazioni della percezione dei colori. La più comune è la degenerazione maculare, poiché la macula contiene un gran numero di cellule responsabili della percezione dei colori, chiamate coni.

Discromatopsia test

Esistono diversi test per rilevare questa discromia visiva, il più comunemente utilizzato nelle consultazioni oftalmologiche è il test di percezione del colore, noto come test di Ishihara. Si basa sul mostrare al paziente diverse tavole con colori e numeri formati da uno schema di punti. La persona che non soffre di discromatopsia potrà apprezzare correttamente i colori ed i numeri di ogni foglio riportato. Coloro che soffrono di qualche tipo di alterazione visiva nella percezione dei colori percepiranno numeri e colori diversi.

Prenota una visita con il Dott. Edoardo Ligabue, Oculista a Milano presso lo studio LaMiaVista, per sapere se soffri di un qualche tipo di discromatopsia.

  • Ultimi articoli
Dettagli Autore
Il Dott. Edoardo Ligabue, esercita la professione medica a Milano dal 1983. I suoi interessi principali sono sempre stati la chirurgia della cataratta, del glaucoma, della retina e la chirurgia refrattiva

Se ti è piaciuto questo articolo condividilo utilizzando i pulsanti che trovi qui sotto!

Edoardo Ligabue
Edoardo Ligabue

Il Dott. Edoardo Ligabue, esercita la professione medica a Milano dal 1983.
I suoi interessi principali sono sempre stati la chirurgia della cataratta, del glaucoma, della retina e la chirurgia refrattiva.

Tutti gli articoli
Prenota una visita

Contatta il nostro studio “La mia Vista” e prenota una visita con il Dott. Edoardo Ligabue